L’organo di governo della FIA vieta le “dichiarazioni politiche” dagli sport motoristici

Invia:

 

La Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA) ha recentemente aggiornato le sue regole per gli sport motoristici, imponendo ai concorrenti di evitare dichiarazioni o commenti politici, religiosi e personali durante le competizioni. L’International Sporting Code (ISC), il documento di governo che regola i campionati di Formula 1, rally e endurance, considera tale comportamento un reato e mira a promuovere l’imparzialità. A partire dal 1 gennaio 2023, tutte le dichiarazioni o commenti emotivi dovranno essere previamente approvati dalla FIA.

In passato, molti piloti hanno utilizzato le competizioni per esprimere le proprie opinioni, indossando magliette o mostrando messaggi sui loro caschi. Tuttavia, queste azioni sono state oggetto di controversie e hanno portato la FIA a rivedere i propri protocolli relativi ai discorsi post-gara.

Tra gli esempi più noti di attivismo emotivo in campo sportivo, c’è quello del pilota di Formula 1 Lewis Hamilton, che nel 2020 ha indossato una maglietta con la scritta “Arrestate i poliziotti che hanno ucciso Breonna Taylor” durante il Gran Premio di Toscana. Questo gesto ha attirato l’attenzione dei media internazionali e ha portato la FIA a rivedere le proprie politiche sulla comunicazione emotiva.

Anche il pilota tedesco Sebastian Vettel ha partecipato a manifestazioni emotive durante le gare, indossando una maglietta con l’arcobaleno, simbolo della comunità LGBTQ, durante il Gran Premio d’Ungheria. Inoltre, durante il Gran Premio del Canada, ha mostrato un messaggio di sciopero contro le sabbie bituminose in Canada.

Nonostante queste manifestazioni siano state apprezzate da molti fan, la FIA ha deciso di introdurre nuove regole per garantire l’imparzialità emotiva durante le competizioni motoristiche. Il nuovo regolamento è stato accolto con reazioni contrastanti, con alcuni critici che sostengono che limiti la libertà di espressione dei piloti e altri che apprezzano la decisione della FIA di promuovere l’imparzialità emotiva nello sport.

Related articles

BARCELLONA, XAVI NON MOLLA: “GAP DA 10 PUNTI COL REAL, MA NON GETTIAMO LA SPUGNA”

L'allenatore del Barcellona Xavi Hernández ha rifiutato di arrendersi nella corsa al titolo di Liga nonostante il pareggio...

PALMER TORNA ALL’ETIHAD DA NEMICO: GUARDIOLA “SAPEVO FOSSE UNA STELLA”

Pep Guardiola ha detto di aver sempre saputo che Cole Palmer era "un giocatore stellare", ma di non...

LIVERPOOL, VITTORIA AMARA: INFORTUNI PER JONES, JOTA E NÚÑEZ FRENANO LA CORSA DEI REDS

Il Liverpool ha subito una triplice tegola dagli infortuni nella vittoria per 4-1 di sabato sul campo del...

Perché la Roma ha esonerato José Mourinho, e perché continua a dividere l’opinione pubblica

E così se n'è andato. Ancora una volta nella sua terza stagione. Ancora una volta, sotto una nube....