Djokovic rovescia Kyrgios, e vince il settimo titolo di Wimbledon

Invia:

 

Novak Djokovic ha atteso il momento giusto. Ha aspettato che Nick Kyrgios perdesse l’impegno e la strada. Ha atteso di trarre la giusta lezione dai grandi tornei del passato. Ha aspettato che il suo rango fosse all’altezza della situazione.

Djokovic è deluso per la sconfitta, sia per una partita, un set o un gioco. Non gli piace incontrare problemi. E a Wimbledon, questa volta, è stato sconfitto.

Djokovic ha dimostrato la sua bravura immobile nel sconfiggere Kyrgios, che gli ha dato filo da torcere, con il punteggio di 4-6, 6-3, 6-4, 7-6 (3) domenica nell’ottavo di finale di Wimbledon e nel settimo assoluto.

Il numero uno Djokovic ha portato la sua imbattibilità nel torneo del Grande Slam a 28 partite e ha raggiunto i 21 trofei importanti, rompendo il record di Roger Federer e avvicinandosi ai 22 di Rafael Nadal nel tennis maschile.

Tra gli uomini, solo Federer, con otto titoli, ha vinto più volte a Wimbledon rispetto a Djokovic. Nel XXI secolo, solo Federer ha vinto più volte del 35enne Djokovic all’All England Club.

Il suo ritorno dopo un lungo periodo di assenza a causa del Covid-19, ha visto Djokovic eliminare il numero dieci Jannik Sinner nei quarti di finale, combattendo contro un set di svantaggio, e il numero nove Cam Norrie in semifinale, conquistando il primo set. Nella finale persa di Wimbledon, Djokovic ha anche eliminato due match point contro Federer.

Ci sono stati due momenti specifici domenica che hanno favorito Djokovic, quelli in cui Kyrgios ha perso la testa con monologhi, urlando contro il pubblico o il giudice di sedia (e guadagnandosi un’espulsione per le offese) e lanciando una bottiglia d’acqua.

Nel secondo set, con Djokovic in vantaggio di 5-3, Kyrgios ha avuto tre palle break, ma ha giocato risposte casuali e alla fine Djokovic ha tenuto il servizio. E poi, nel terzo set, con Kyrgios in vantaggio di 4-3 e 40-0, ha permesso a Djokovic di rimontare e vincere.

Il 27enne australiano Kyrgios aveva raggiunto solo una volta i quarti di finale in 29 precedenti partecipazioni al torneo del Grande Slam, e l’ultima volta era stata sette anni fa.

In un certo senso, ha rubato la scena domenica. Ha giocato colpi incredibili. Ha colpito la palla con le spalle alla rete. Ha servito a 136 mph e ha fatto 30 ace. Ha giocato un punto sotto le ascelle e poi ha riprodotto il movimento.

 

Related articles

BARCELLONA, XAVI NON MOLLA: “GAP DA 10 PUNTI COL REAL, MA NON GETTIAMO LA SPUGNA”

L'allenatore del Barcellona Xavi Hernández ha rifiutato di arrendersi nella corsa al titolo di Liga nonostante il pareggio...

PALMER TORNA ALL’ETIHAD DA NEMICO: GUARDIOLA “SAPEVO FOSSE UNA STELLA”

Pep Guardiola ha detto di aver sempre saputo che Cole Palmer era "un giocatore stellare", ma di non...

LIVERPOOL, VITTORIA AMARA: INFORTUNI PER JONES, JOTA E NÚÑEZ FRENANO LA CORSA DEI REDS

Il Liverpool ha subito una triplice tegola dagli infortuni nella vittoria per 4-1 di sabato sul campo del...

Perché la Roma ha esonerato José Mourinho, e perché continua a dividere l’opinione pubblica

E così se n'è andato. Ancora una volta nella sua terza stagione. Ancora una volta, sotto una nube....