La NCAA non è stata ritenuta responsabile per la morte dell’ex QB Cullen Finnerty

Invia:

 

Una giuria di Indianapolis ha emesso mercoledì una sentenza a favore della NCAA, stabilendo che l’associazione non è responsabile della morte di un ex quarterback del college la cui vedova aveva citato in giudizio l’organizzazione per negligenza. Il giocatore, morto nel maggio 2013 all’età di 30 anni, era scomparso mentre era in vacanza con la famiglia della moglie. L’autopsia aveva rilevato che l’encefalopatia traumatica cronica, una malattia causata da commozioni cerebrali e ripetuti colpi alla testa, era stata un fattore che aveva contribuito alla sua morte. La vedova, Jennifer Finnerty, aveva intentato una causa contro la NCAA, sostenendo che l’associazione non aveva adeguatamente protetto gli atleti del college e non li aveva avvertiti dei rischi di lesioni alla testa durante il gioco del calcio. Gli avvocati della NCAA avevano affermato che la morte del giocatore era stata causata da altri problemi di salute e dipendenze che non erano il risultato della commozione cerebrale subita durante il college o dei colpi alla testa che aveva ricevuto durante il gioco. La giuria, dopo un processo di tre settimane che aveva incluso la testimonianza del presidente uscente Mark Emmert e di diversi esperti medici, ha dato ragione alla NCAA. “Il verdetto conferma la nostra posizione che la NCAA non ha alcuna responsabilità nella morte del giocatore di football del college”, ha dichiarato mercoledì il consigliere generale della NCAA, Scott Bearby. “Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici del signor Finnerty”. L’avvocato di Jennifer Finnerty, Rob Dassow, ha dichiarato di essere “ovviamente molto deluso” dalla decisione della giuria.

Related articles

BARCELLONA, XAVI NON MOLLA: “GAP DA 10 PUNTI COL REAL, MA NON GETTIAMO LA SPUGNA”

L'allenatore del Barcellona Xavi Hernández ha rifiutato di arrendersi nella corsa al titolo di Liga nonostante il pareggio...

PALMER TORNA ALL’ETIHAD DA NEMICO: GUARDIOLA “SAPEVO FOSSE UNA STELLA”

Pep Guardiola ha detto di aver sempre saputo che Cole Palmer era "un giocatore stellare", ma di non...

LIVERPOOL, VITTORIA AMARA: INFORTUNI PER JONES, JOTA E NÚÑEZ FRENANO LA CORSA DEI REDS

Il Liverpool ha subito una triplice tegola dagli infortuni nella vittoria per 4-1 di sabato sul campo del...

Perché la Roma ha esonerato José Mourinho, e perché continua a dividere l’opinione pubblica

E così se n'è andato. Ancora una volta nella sua terza stagione. Ancora una volta, sotto una nube....