Charles Leclerc parte dalla Pole Position al Gran Premio del Belgio grazie alla penalità di Max Verstappen

Invia:

 

Charles Leclerc di Ferrari partirà dalla pole position per il Gran Premio del Belgio nonostante Max Verstappen abbia segnato il tempo più veloce nelle qualifiche di venerdì. Il doppio campione del mondo Verstappen ha subito una penalità di cinque posizioni sulla griglia per aver cambiato il cambio sulla sua Red Bull, retrocedendo così al sesto posto per la gara di domenica. Il compagno di squadra di Verstappen, Sergio Perez, partirà al fianco di Leclerc in prima fila per la 12a gara della stagione di Formula Uno. Verstappen, che guida il campionato con 110 punti, ha vinto a Spa-Francorchamps l’anno scorso partendo dal 14° posto sulla griglia. “L’anno scorso abbiamo avuto molte penalità e ho comunque vinto la gara, quindi sarà di nuovo l’obiettivo”, ha detto il pilota nato in Belgio.

Leclerc, ottavo decimo di secondo più lento di Verstappen, ha detto: “Non è stata una brutta qualifica per noi, specialmente in queste condizioni. Siamo partiti un po’ troppo presto per quell’ultimo giro, ma avremmo potuto essere un po’ più vicini. Detto questo, abbiamo una grande posizione di partenza per domenica e vediamo come va”.

Lewis Hamilton della Mercedes e Carlos Sainz nell’altra Ferrari occupano la seconda fila.

Oscar Piastri della McLaren e Verstappen seguono, con Lando Norris (McLaren), George Russell (Mercedes) e Fernando Alonso e Lance Stroll nelle Aston Martins che completano la top 10.

Sabato vedrà la terza gara sprint della stagione F1 dopo l’Azerbaijan e l’Austria, con le qualifiche per la gara standalone previste per sabato mattina sul maestoso circuito delle Ardenne.

La penalità di Verstappen non si applica allo sprint.

L’asso della Red Bull è stato fortunato a entrare nella terza sessione di qualificazione con un ultimo giro per salire al 10° posto in Q2 e ha ammesso di aver lottato con le condizioni di asciugatura durante tutta la sessione.

“È stato molto tirato. Le condizioni erano davvero difficili e nel mio ultimo giro in Q2 non avevo quella sicurezza di spingere, ma in Q3 avevamo due set di pneumatici quindi avevamo più possibilità di spingere”, ha riferito.

Related articles

BARCELLONA, XAVI NON MOLLA: “GAP DA 10 PUNTI COL REAL, MA NON GETTIAMO LA SPUGNA”

L'allenatore del Barcellona Xavi Hernández ha rifiutato di arrendersi nella corsa al titolo di Liga nonostante il pareggio...

PALMER TORNA ALL’ETIHAD DA NEMICO: GUARDIOLA “SAPEVO FOSSE UNA STELLA”

Pep Guardiola ha detto di aver sempre saputo che Cole Palmer era "un giocatore stellare", ma di non...

LIVERPOOL, VITTORIA AMARA: INFORTUNI PER JONES, JOTA E NÚÑEZ FRENANO LA CORSA DEI REDS

Il Liverpool ha subito una triplice tegola dagli infortuni nella vittoria per 4-1 di sabato sul campo del...

Perché la Roma ha esonerato José Mourinho, e perché continua a dividere l’opinione pubblica

E così se n'è andato. Ancora una volta nella sua terza stagione. Ancora una volta, sotto una nube....