asd

Scott Dixon di IndyCar continua a manifestare il proprio disappunto verso Pato O’Ward per l’incidente: le dichiarazioni del pilota neozelandese

Invia:

INDIANAPOLIS – Scott Dixon mantiene la stessa opinione sull’incidente di domenica e il rispetto per Pato O’Ward, nonostante il loro scontro a Long Beach. Quattro giorni dopo l’incidente, i due piloti si sono presentati per la prima delle due sessioni di test della 500 Miglia di Indianapolis senza scambiarsi parole.

Quando gli è stato chiesto se la sua prospettiva sull’incidente fosse cambiata, Dixon ha risposto: “No. Ho pensato che fosse piuttosto strano non ci fossero penalità su entrambe le vetture. Ma se è così che sarà, allora è quello a cui devono attenersi. Ma sembrava che non ci fosse alcun controllo di gara lì”.

La disputa tra i due è iniziata quando O’Ward ha tentato di sorpassare Dixon all’interno della curva otto del tracciato stradale. Le loro gomme si sono toccate al ventesimo giro, causando la collisione di Dixon contro una barriera di pneumatici. O’Ward, invece, è riuscito a proseguire la gara, raggiungendo il diciassettesimo posto.

Dopo aver perso diverse posizioni, Dixon ha completato altri 17 giri prima di essere costretto al ritiro. Nonostante la sua delusione, Dixon ha dichiarato che non si sarebbe mosso dalla sua posizione. Anche la moglie del pilota neozelandese, Emma, ha espresso la sua frustrazione sui social media riguardo alle decisioni giudiziarie incoerenti della serie.

O’Ward, invece, non sembra avere fretta di chiarire la situazione. “Veramente non ho visto [Dixon]. Ho provato a cercarlo alla riunione degli autisti e ho visto Marcus [Ericsson], [Alex] Palou e [Takuma] Sato,” ha detto O’Ward. “Non ho visto Scott, però. Gli darò un grande abbraccio da orso”.

Nonostante la controversia, O’Ward ha dichiarato che ha ancora un grande rispetto per Dixon e che questo episodio non cambia il suo punto di vista sul sei volte campione IndyCar.

Le controversie sulla condotta in pista tra i piloti sono comuni nel mondo dell’IndyCar. Tuttavia, come quest’ultime vengono risolte dipende dalla capacità dei piloti di comunicare e risolvere il problema. Secondo Helio Castroneves, quattro volte vincitore della 500 Miglia di Indianapolis, “non dovresti mai discutere subito dopo la gara. Devi calmarti, analizzare i video e se credi ancora di avere ragione, allora la persona che crede di avere ragione dovrebbe chiamare e dire: ‘Perché? Cosa stavi pensando?'”La serie tornerà al Barber Motorsports Park in Alabama la prossima settimana per un’altra sessione di test. Durante la sessione di prova di giovedì, Marcus Ericsson, il campione svedese in carica della Indy 500 e compagno di squadra di Dixon con il Chip Ganassi Racing, ha fatto segnare il giro più veloce.

Related articles

Morata al Milan: tutti i dettagli e i passaggi diplomatici con l’Atletico

La lunga attesa sta per finire: Alvaro Morata ha accettato l’offerta del Milan. La conferma è arrivata questa...

Calciomercato Juve: Miretti o Nicolussi Caviglia per il Bologna?

La Juventus sta puntando con decisione su Calafiori, difensore del Bologna. L'idea si è velocemente trasformata in un...

Allegri sconfitto in tribunale: l’ex compagna assolta anche in appello

La Corte di Appello di Torino ha confermato l'assoluzione di Claudia Ughi, ex compagna dell'allenatore della Juventus Massimiliano...

Per questa settimana in Premier League

Due partite della Premier League chiave con significative implicazioni: Chelsea vs West Ham e Liverpool vs Everton. Chelsea vs...