La rivelazione scioccante di Toto Wolff: ‘Mi rammarico di non aver ingaggiato Max Verstappen’

Invia:

Nel mondo del motorsport, ogni decisione conta e può influenzare il corso della carriera di un pilota. Il capo del team Mercedes, Toto Wolff, ha recentemente confessato di provare rimorso per non aver ingaggiato Max Verstappen quando ne aveva l’opportunità. Tuttavia, Wolff dubita che una combinazione di Verstappen e Lewis Hamilton avrebbe funzionato efficacemente.

Prima che Verstappen venisse annunciato come pilota junior della Red Bull nell’agosto 2014, lui e suo padre Jos si erano incontrati con Wolff per discutere della possibilità di unirsi alla prestigiosa scuderia Mercedes. In quel periodo, la squadra Mercedes vantava già la presenza di Hamilton e Nico Rosberg, ed era in procinto di iniziare un periodo di dominio senza precedenti nel mondo della Formula 1.

Tuttavia, a differenza della Red Bull, la Mercedes non aveva una squadra junior e non poteva offrire a Verstappen, allora sedicenne, una posizione nella massima categoria del motorsport per la stagione 2015. Di conseguenza, Verstappen ha firmato con la Red Bull e ha iniziato a correre per la loro squadra junior, la Toro Rosso, nel 2015, venendo poi promosso alla squadra di punta nel Gran Premio di Spagna nel 2016.

Da allora, Verstappen ha conquistato due titoli con la Red Bull, incluso il suo accanito duello con Hamilton nel campionato del 2021. Durante una recente intervista con ESPN, Wolff è stato chiesto se provasse rimpianto per aver perso l’opportunità di ingaggiare Verstappen, e ha risposto affermativamente. Ha rivelato di aver avuto due incontri con Jos Verstappen e Huub Rothengatter, manager di Jos durante la sua carriera in F1, prima che firmassero con la Red Bull.

“Mi pento di aver perso Max? Certamente”, ha ammesso Wolff. “Ma all’epoca non era un’opzione disponibile. Avevamo due piloti, Nico e Lewis, di cui ero estremamente soddisfatto, e quando Nico se ne andò, Valtteri era l’opzione, mentre Max non era nemmeno disponibile”.

Wolff ha anche sottolineato che la presenza di Hamilton nella squadra Mercedes ha influenzato la scelta di non cercare attivamente Verstappen come possibile pilota. “Max e Lewis avrebbero funzionato insieme? Forse no”, ha ammesso Wolff. “Lewis è stato da sempre un pilota Mercedes, quindi quella domanda difficile non si è mai posta per l’organizzazione. Tutto accade per una ragione”.

Sebbene Wolff abbia espresso il suo rimpianto per non aver ingaggiato Verstappen, ha anche sottolineato che, al momento della decisione, la Mercedes non aveva una squadra junior e Verstappen non era disponibile. Pertanto, era chiaro che la scelta migliore per il giovane pilota era quella di unirsi alla Toro Rosso. Wolff ha concluso affermando che, dopo l’annuncio di Verstappen con la Red Bull, non ci sono stati ulteriori approcci per cercare di assicurarsi i servizi del talentuoso olandese.

La carriera di Verstappen è decollata con la Red Bull, dimostrando di essere un pilota straordinario e un contendente al titolo mondiale. Mentre Wolff ammette che l’abilità di Verstappen non era chiara durante il suo periodo in Formula 3, è evidente ora che si è rivelato un autentico campione. Nonostante il rimpianto per l’opportunità mancata, Wolff si concentra sulla forza e sul talento della sua attuale formazione, continuando a guidare la Mercedes verso il successo.

L’annuncio di Wolff ha lasciato molti appassionati di Formula 1 a interrogarsi sul corso che avrebbe preso la carriera di Verstappen se fosse stato ingaggiato dalla Mercedes. Cosa avrebbe significato per il dominio della scuderia tedesca e per l’equilibrio di potere nella Formula 1? Rimarrà un interrogativo senza risposta, mentre il destino dei piloti e delle squadre continua ad intrecciarsi in un mondo di scelte e opportunità.

Related articles

BARCELLONA, XAVI NON MOLLA: “GAP DA 10 PUNTI COL REAL, MA NON GETTIAMO LA SPUGNA”

L'allenatore del Barcellona Xavi Hernández ha rifiutato di arrendersi nella corsa al titolo di Liga nonostante il pareggio...

PALMER TORNA ALL’ETIHAD DA NEMICO: GUARDIOLA “SAPEVO FOSSE UNA STELLA”

Pep Guardiola ha detto di aver sempre saputo che Cole Palmer era "un giocatore stellare", ma di non...

LIVERPOOL, VITTORIA AMARA: INFORTUNI PER JONES, JOTA E NÚÑEZ FRENANO LA CORSA DEI REDS

Il Liverpool ha subito una triplice tegola dagli infortuni nella vittoria per 4-1 di sabato sul campo del...

Perché la Roma ha esonerato José Mourinho, e perché continua a dividere l’opinione pubblica

E così se n'è andato. Ancora una volta nella sua terza stagione. Ancora una volta, sotto una nube....