Il rampante Novak Djokovic raggiunge la decima finale dell’Australian Open

Invia:

 

Novak Djokovic si qualifica per la sua decima finale all’Australian Open e cerca la sua ventiduesima vittoria Slam. Nella semifinale, Djokovic ha sconfitto l’americano Tommy Paul con un punteggio di 7-5, 6-1, 6-2, mostrando il suo dominio. La vittoria del serbo lo riporterà al numero uno del mondo per la prima volta dallo scorso giugno. Djokovic si è presentato sul campo senza il padre Srdjan, dopo che quest’ultimo è stato filmato mentre posava con un uomo che reggeva una bandiera russa con il volto di Vladimir Putin. L’incidente ha scatenato un contraccolpo da parte dell’Ucraina e ha portato alla richiesta di bandire il padre di Djokovic dal torneo. Tuttavia, il padre di Djokovic ha rilasciato una dichiarazione, prima della semifinale, in cui ha affermato che sarebbe rimasto alla larga e avrebbe desiderato solo la pace. Djokovic si dice grato per la sua forma fisica, anche se non è fresco come all’inizio del torneo. Djokovic ha vinto la sua partita con Tommy Paul in 59 minuti, nonostante un’oscillazione iniziale. Djokovic estende così la sua striscia di imbattibilità all’Australian Open a 27 partite. In finale Djokovic incontra Stefanos Tsitsipas, che ha battuto il russo Karen Khachanov in quattro set. Tsitsipas cerca il suo primo titolo Slam, mentre Djokovic cerca il suo nono titolo all’Australian Open.

Related articles

BARCELLONA, XAVI NON MOLLA: “GAP DA 10 PUNTI COL REAL, MA NON GETTIAMO LA SPUGNA”

L'allenatore del Barcellona Xavi Hernández ha rifiutato di arrendersi nella corsa al titolo di Liga nonostante il pareggio...

PALMER TORNA ALL’ETIHAD DA NEMICO: GUARDIOLA “SAPEVO FOSSE UNA STELLA”

Pep Guardiola ha detto di aver sempre saputo che Cole Palmer era "un giocatore stellare", ma di non...

LIVERPOOL, VITTORIA AMARA: INFORTUNI PER JONES, JOTA E NÚÑEZ FRENANO LA CORSA DEI REDS

Il Liverpool ha subito una triplice tegola dagli infortuni nella vittoria per 4-1 di sabato sul campo del...

Perché la Roma ha esonerato José Mourinho, e perché continua a dividere l’opinione pubblica

E così se n'è andato. Ancora una volta nella sua terza stagione. Ancora una volta, sotto una nube....