“I soldi non segnano gol”: Hoeness del Bayern attacca il PSG

Invia:

 

Uli Hoeness, ex CEO del Bayern Monaco e attuale membro del consiglio di amministrazione, ha espresso preoccupazione per la crescente influenza del denaro straniero nel calcio. Durante un evento ad Hannover, Hoeness ha fatto notare che i club tradizionali come il Bayern potrebbero essere indietro rispetto all’élite del calcio e ha sollecitato un allentamento delle regole di proprietà dei club tedeschi per consentire alle squadre di attrarre investitori esterni.

Hoeness ha espresso la sua preoccupazione per la possibilità che alcuni club, in particolare quelli provenienti dal Medio Oriente, possano essere acquisiti da investitori esterni. Ha fatto riferimento ai rumors che suggeriscono che il Qatar voglia acquistare il Manchester United e l’Arabia Saudita voglia acquistare il Liverpool.

Inoltre, Hoeness ha chiesto l’eliminazione della regola del “50+1” che limita gli investimenti esterni nei club di calcio tedeschi. Secondo Hoeness, l’eliminazione di questa regola aiuterebbe i club tedeschi a essere più competitivi a livello internazionale.

Hoeness ha inoltre commentato la vittoria del Bayern Monaco contro il Paris Saint-Germain nella Champions League, sottolineando che la partita ha dimostrato che i soldi non sempre fanno gol. Il Bayern Monaco domina finanziariamente la Bundesliga e questo si è tradotto in numerosi titoli.

Related articles

Il Barcellona sta negoziando per Ingigo Martinez e Ilkay Gundogan

Secondo fonti ESPN, il Barcellona avrebbe un accordo verbale in atto per acquisire Inigo Martinez durante la prossima...

FIFA ritira la Coppa del Mondo Under 20 dall’Indonesia a causa della protesta contro la partecipazione di Israele

Giovedì scorso i calciatori, i tifosi e gli esperti indonesiani hanno reagito con rabbia e tristezza dopo che...

Il caos del reclutamento nel football universitario: tra trasferimenti e diritti NIL

Il mondo del football universitario sta attraversando un periodo di profondo cambiamento, con l'introduzione dei diritti di nome,...

Max Verstappen rifiuta di cedere il posto a Sergio Perez alla Red Bull: tensioni all’ultimo Gran Premio di San Paolo

Durante l'ultimo Gran Premio di San Paolo, Max Verstappen ha rifiutato di cedere il sesto posto al suo...