Addio a CR Roberts, il Campione Che ha Superato le Barriere della Segregazione nel Calcio

Invia:

Cornelius R. Roberts, noto come CR Roberts, l’eroico terzino che con la sua prestazione record aiutò l’USC a battere il Texas nel 1956, in una partita su strada giocata in uno stato ancora segregato, è morto all’età di 87 anni. La sua scomparsa è avvenuta martedì per cause naturali in una struttura di cura nei sobborghi di Norwalk. L’università ha reso nota la notizia mercoledì dopo essere stata informata dalla figlia di Roberts, la dottoressa Cathy Creasia.

La leggendaria impresa di CR Roberts avvenne durante una partita storica in cui il giocatore stabilì un record di corsa in una sola partita, accumulando 251 yard e segnando 12 porte. La vittoria schiacciante dei Trojan per 44-20 ad Austin contro il Texas rimase incisa nella storia per ben 20 anni. Tuttavia, temendo possibili disordini da parte della folla segregata, lo staff tecnico dell’USC decise di fermare Roberts in anticipo per evitare problemi.

L’ambiente ostile e segregato in cui si svolse la partita rese la situazione ancora più complicata. La squadra USC dovette provare ben tre diversi hotel prima di trovare uno che permettesse ai giocatori neri di restare. Nonostante le leggi sulla segregazione del Texas, Roberts ottenne il permesso di viaggiare con la squadra, ma fu accolto con rifiuto da parte delle governanti dell’hotel nere. Nonostante ciò, Roberts era determinato a dimostrare il suo valore. “Ero sconvolto dal fatto che non mi volessero lì”, disse in un articolo del 2015 per il Black History Month dell’USC. “Dannazione, avevo qualcosa da dimostrare loro”.

La presenza di Roberts e degli altri giocatori neri alloggiati nell’hotel suscitò grande interesse e orgoglio tra i residenti neri della zona, che entrarono nel retro dell’hotel indossando le uniformi del personale per poter salutare i giocatori neri che soggiornavano lì. Il ritorno di Roberts al campus dell’USC fu accolto con un’enorme festa e fu considerato un eroe.

Nato il 29 febbraio 1936 nel Mississippi e trasferitosi in California da giovane, Cornelius R. Roberts lasciò un segno indelebile nel mondo del football. Dopo un brillante percorso al liceo, dove fu nominato giocatore di football dell’anno nel 1953, ricevette offerte dai New York Giants della NFL ma scelse di firmare con i Toronto Argonauts della Canadian Football League. Successivamente giocò anche per i San Francisco 49ers.

La sua eredità nel mondo del calcio e nella lotta contro la segregazione rimarrà per sempre. Lascia nel dolore le sue figlie Cathy Creasia e Chandra Roberts, il figlio Craig e quattro nipoti.

La sua storia è un simbolo di coraggio e determinazione, che ha superato le barriere della segregazione per affermarsi come un vero campione del calcio.

Related articles

BARCELLONA, XAVI NON MOLLA: “GAP DA 10 PUNTI COL REAL, MA NON GETTIAMO LA SPUGNA”

L'allenatore del Barcellona Xavi Hernández ha rifiutato di arrendersi nella corsa al titolo di Liga nonostante il pareggio...

PALMER TORNA ALL’ETIHAD DA NEMICO: GUARDIOLA “SAPEVO FOSSE UNA STELLA”

Pep Guardiola ha detto di aver sempre saputo che Cole Palmer era "un giocatore stellare", ma di non...

LIVERPOOL, VITTORIA AMARA: INFORTUNI PER JONES, JOTA E NÚÑEZ FRENANO LA CORSA DEI REDS

Il Liverpool ha subito una triplice tegola dagli infortuni nella vittoria per 4-1 di sabato sul campo del...

Perché la Roma ha esonerato José Mourinho, e perché continua a dividere l’opinione pubblica

E così se n'è andato. Ancora una volta nella sua terza stagione. Ancora una volta, sotto una nube....